venerdì 7 giugno 2013

Una Primavera vestita d'Autunno...


Una Primavera vestita d'Autunno ha incorniciato con pioggia e vento le nostre città, che nell'impaziente speranza di scorgere dietro le plumbee nuvole un raggio di sole che potesse scaldare i nostri sorrisi infreddoliti, ci hanno racchiuse in un'inaspettata stagione dal sapore londinese. Maglioni, cappotti, giacche e piumoni ritirati in lavanderia e riposti ordinatamente nei piani più alti dei nostri armadi erano pronti ad addormentarsi cullati dall'odore di lavanda,in compagnia di piccoli sacchetti alla lavanda felici di profumare il loro riposo, ma ancor prima che ci rendessimo conto che il sole tardasse ad arrivare, molti di loro si sono accomodati nuovamente ai loro posti sapendo che ci avrebbero scaldato ancora un pò. Incredulità mista a qualche momento di rabbia hanno costellato il nostro umore ogni mattina davanti al nostro armadio, in cui impaurite camicie di stoffe leggere e abiti svolazzanti hanno dovuto lottare contro la tenacia di felpe, cardigan e sciarpe. Il mio sguardo triste e sconsolato, spesso, si è posato sulle mensole della mia ridente scarpiera sulla quale imperano sandali e co. in attesa che una mattina mi avvicini e ne scelga finalmente un paio da indossare. E invece, quel che recito da qualche tempo a questa parte armata di trench, ombrello e galosce è: "Amiche mie, abbiate pazienza...non può piovere per sempre!" Frase strappa lacrime ripescata da uno dei miei film cult dell'adolescenza (ma di chi non lo è stato!) e messa al servizio del mio ego da fashion victim bistrattato dai troppi temporali che mi hanno costretto a relegare i miei scalpitanti piedini ancora una volta nella rigidità seppur colorata delle scarpe anti-pioggia. E pensare che ho girovagato per tutte le Zara della capitale alla ricerca di un adorabile paio di sandaletti con i glitter argentati (comprati rigorosamente nel reparto Kids!) con la fanciullesca speranza di poterle indossare già il giorno dopo, ma in realtà non ho potuto metterle neanche per andare ad innaffiare le piante in terrazzo (grrr!!!). E a poco servono colonnelli e meteorine che con le loro bacchette indicano timidi soli nascosti dietro le nuvole nel vano tentativo di risollevarci il morale; voglio solo che mi dicano quando finalmente potrò indossare le mie scarpette nuove! E a quel punto, farò un pò come la volpe del Piccolo Principe, sapendo una data da segnare in rosso sul calendario, comincerò a preparare di felicità il mio cuore all'arrivo dei caldi raggi di sole!

P.S. Sembra che il Sole mi abbia spiata nel preparare il post di oggi, infatti, da ieri si scorge un pò di tepore...incrociamo le dita!

3 commenti:

  1. ahahahha sempre divertente!! anch'io sto facendo gli scongiuri affinchè questa primavera-estate finalmente sbocci!!! :) :)

    RispondiElimina
  2. Ma quanto ti capisco?? non se ne può più! quando arriva un giorno caldo e soleggiato speri sempre che sia arrivata l'estate e invece... giorni di pioggia e di freddo seguono a quei pochi raggi di sole ;(
    Ma l'estate arriverà...prima o poi ;)

    Miss Piggy

    RispondiElimina
  3. ahahah super divertente!

    http://nonsidicepiacere.blogspot.it/

    RispondiElimina