giovedì 25 agosto 2011

Dalle sierras alle passerelle: una ola per le espadrillas



Da sempre sinonimo di semplicità, comodità ed estate. Le espadrillas da due secoli accompagnano i nostri leggeri passi nella calda stagione con la loro morbida tela di cotone e la suola di corda intrecciata. Usate inizialmente dai pescatori, dagli operai delle miniere e dai soldati nella guerra civile spagnola per la crescente richiesta di manodopera un gran numero di ragazze si spostò nei paesi baschi per cucirle a mano e per questa curiosa migrazione le fanciulle furono simpaticamente chiamate “rondinelle”. Negli anni ’60 iniziarono ad usarle tutti, anche grandi personalità di spicco come Salvator Dalì, Pablo Picasso, Federico Garcia Lorca, Ernest Hemingway, e anche le divine Ava Gardner, Grace Kelly, Brigitte Bardot e Jackie Kennedy. Negli anni ‘70 furono consacrate ufficialmente al fashion system dal genio creativo di Yves Saint Laurent che incontrando i coniugi Castaner proprietari del famoso marchio di espadrillas spagnolo chiese loro la realizzazione di una nuova versione delle famose calzature in satin colorato con la zeppa. Nacque così la celebre Julia copostipite di tutte le zeppe intrecciate che da anni comodamente indossiamo. Da allora Hermes, Vuitton, Balenciaga, Lanvin, Chanel, Missoni, Louboutin regalano la loro fantasia a queste celebri calzature per far nascere dalla semplicità della loro tela e fibra intrecciata delle splendide creazioni di moda oggi idolatrate ed indossate dalla chicchissima Dita Von Teese, Gwyneth Paltrow, Penelope Cruz, Blake Lively e addirittura avvistate ai regali piedini di Kate Middleton e sorella.



Le celebri Yves Saint Laurent degli anni '70.







                                                                                                            (google)

1 commento:

  1. ecco..magari senza zeppe..ma l'ho portate anch'iooo!!!

    RispondiElimina